Chi siamo / about us

Gli agriturismi sono quei posti dove rilassarsi e godersi i dintorni senza alzarsi alle cinque del mattino per mungere le mucche o raccogliere le uova. Alcune aziende agricole sono più chic di altre. Siamo in grado di offrire una colazione particolarmente buona, se lo desiderate. A disposizione anche i cestini per il pic nic. La nostra combinazione di cibi salati e dolci delizie è vincente. Uova, salumi, formaggi e pane caldo per la tavolozza salata, biscotti e croissants più  una vasta scelta di dolci tipici sardi per gli amanti del genere, succhi di frutta e yogurt, cereali ricchi di fibre, Nutella per bambini, caffè, cappuccino, tè, latte, frutta fresca e secca per cominciare la giornata con il piede giusto e prepararti per le tue attività preferite.

Quale è la scelta giusta? Un B & B ospitato in una villa mediterranea, un’elegante cupola geodetica, una tenda safari per entrare in contatto con la natura o un agriturismo nascosto nella collina di fronte al mare? Con così tanti luoghi suggestivi in ​​cui soggiornare, decidere dove trascorrere le vacanze qui implica molto di più che scegliere semplicemente un letto per la notte. Siamo qui solo per aiutarti!

Pensa a un piccolo angolo di paradiso a chilometri di distanza da qualsiasi luogo affollato nella cornice più bella, ma a poca distanza dal mare: eccoci!

Ci piace ascoltare i viaggiatori: i tuoi commenti ci aiutano a migliorarci e a venire incontro alle esigenze dei nostri amici ospiti.

Abbiamo ridotto significativamente le tariffe delle camere per la media e bassa stagione (aprile-giugno e settembre-ottobre). Il tempo è più variabile, ma di solito non piove. Tempo eccellente per escursioni a piedi, in bicicletta e arrampicata. Le attrazioni e le spiagge sono meno affollate.

Abbiamo chiamato i nostri alloggi con i titoli delle canzoni di De Andrè. Nato nel 1940 a Genova, Fabrizio De André è diventato famoso con le sue canzoni/ poesie su persone emarginate e ribelli, soprattutto prostitute, che sono state viste da De André come la risposta alla femminilità borghese. Nel 1979 fu rapito da banditi sardi e tenuto prigioniero sui Monti Supramonte nel centro dell’isola. È stato rilasciato quattro mesi dopo, a quanto pare, dopo il pagamento del riscatto. Quando i suoi rapitori furono infine arrestati dalla polizia, De André fu chiamato come testimone davanti alla Corte. Ha mostrato compassione per alcuni dei suoi rapitori, dal momento che è stato ben trattato da quelli che ha chiamato “guardiani” e ha dichiarato la propria solidarietà con loro – “Erano loro i veri prigionieri, non io”. Morì di cancro nel 1999 ed è ricordato come un vero cantautore/poeta, un cantore dell’uomo comune ed è spesso paragonato a Bob Dylan. Quindi troverai la cupola geodetica “Bocca di Rosa”, uno spazio condiviso, con cucina, sala da pranzo e soggiorno, perfino un po’ di spazio per il fitness. Le tende sono la unica Shell “Creuza de mà”, due Big Safari (“Via del Campo” e “Canzone per l’estate”), tre Safari Lodge (“La collina”, “Dolce Luna”, “Le nuvole”) e la casa dell’Agriturismo (“Verdi Pascoli”).

ENOGASTRONOMIA

La Sardegna non ha eguali per il clima, il buon cibo e il vino. Mangia in agriturismi rustici, visita le cantine locali e allenta di un buco la cintura dei pantaloni: per la festa di piatti tipici e genuini che trovi qui vale la pena.

Ovviamente tutti dobbiamo mangiare ma qui dobbiamo distinguere. In Italia e in Sardegna non è solo un modo di sopravvivere: è un lavoro, un passatempo, un hobby, uno sport, un’arte, una vocazione, un mestiere, una mania, una distrazione, una diversione, una fantasia, un’occupazione, un gioco, un interesse, un’attività per il tempo libero, un’ossessione, un argomento, una ricerca, un modo per rilassarsi, un’attività collaterale, una specialità, una debolezza, un capriccio e qualcosa che comunque non può essere ignorato, e va trattato con la dovuta serietà.

In un’isola in cui anche la quotidianità di pane e formaggio è elevata a una forma quasi artistica, mangiare bene è considerato un dato di fatto. I sardi uniscono il loro amore per il cibo e la socializzazione a tavola, sia in umili trattorie che in ristoranti di fascia alta. “Biologico” e “slow food” sono parole d’ordine moderne per ciò che la Sardegna ha fatto per secoli. La cena tende ad essere una faccenda da vivere in allegria, festeggiando con pasta, verdure fresche, formaggio, carni e vino.

Chi ha un debole per i dolci, può trascorrere una mezza giornata in giro per i panifici pieni di dolci appena sfornati e fatti artigianalmente. Il carrello dolce della Sardegna è sempre stato condizionato dai sapori naturali dell’isola. Prendi la ricetta per gli amaretti (biscotti alle mandorle). Da non perdere il torrone, un dolce prodotto anche in Sicilia, ma in Sardegna non prevede zucchero, ma miele, albumi, mandorle e noci. Il menu di dessert della Sardegna è veramente ricco e vario. Accanto alle basi gastronomiche isolane, c’è un elenco infinito di specialità locali. Ogni città ha le sue ricette; il dolce più famoso dell’isola è forse rappresentato dalle seadas (o sebadas), una pasticceria di qualità (vagamente simile a un grande raviolo) ripiena di buccia d’arancia o limone e ricotta o formaggio acido e poi inzuppata nel miele amaro, vedi sotto per la ricetta. Ai festeggiamenti potresti imbatterti nei sospiri di Ozieri, ricchi tortini di mandorle tritate, zucchero, miele e limone glassati, nelle aranzadas, piccoli cestini di scorza d’arancia finemente rasata e mandorle inzuppate nel miele, nelle pabassinas con saba, biscotti con mandorle , miele, canditi e mosto d’uva. Potresti gustare le pardule (note anche come casadine e formaggi), vedi sotto per la ricetta. Queste deliziose mini cheesecake sono fatte con ricotta o pecorino, aromatizzate allo zafferano e cotte in un guscio di pasta croccante.

Poche esperienze gastronomiche possono competere con una camminata in Sardegna fra le panetterie di quartiere di buon mattino, respirando gli aromi dei lieviti e banchettando con gli occhi sui pani appena sfornati. Il civraxiu è una pagnotta spessa e circolare con una crosta croccante e un interno bianco morbido. Nelle gastronomie di Sant’Antioco, Calasetta e Carlofortei scoprirai la fainè (farinata), la focaccia sottile di farina di ceci importata secoli fa dai liguri.

La carta da musica, più croccante di un cracker, leggero come un wafer e abbastanza sottile da far filtrare la luce attraverso, il pane carasau, noto appunto anche come carta da musica, è la stella nel paniere della Sardegna. Spennellato con olio d’oliva e cosparso di sale, il pane carasau diventa uno spuntino popolare noto come pane guttiau. Una versione più elaborata spesso servita come primo piatto è il pane frattau, dove il pane carasau è condito con salsa di pomodoro, pecorino grattugiato e un uovo alla coque. Tutto viene accompagnato con il  Carasau, così sottile, circolare come i nuraghi e croccante, pane sardo per eccellenza. È stato creato nella regione della Barbagia da pastori che avevano bisogno di un pane che durasse più a lungo quando erano fuori per giorni a prendersi cura dei loro greggi. Carasatura significa letteralmente “una doppia cottura”. Apparentemente, il pane carasau è uno dei principali contribuenti alla grande aspettativa di vita dei sardi.

La Sardegna ha generalmente un modo speciale di fare le cose e la pasta dell’isola non è diversa. I Malloreddus, una pasta spessa a forma di piccola conchiglia a base di semola e aromatizzata allo zafferano, vengono solitamente serviti con salsa alla campidanese (salsiccia e sugo di pomodoro) e talvolta vengono chiamati “gnocchetti sardi”. Un’altra creazione unicamente sarda è la fregola, una pasta granulare simile al couscous (il couscous stesso è comunque è un piatto tradizionale, tabarkino, a Sant’Antioco e San Pietro), e tipicamente è composta da pasta di semola arrotolata in palline di diametro 2-3 mm e tostata in un forno, spesso servita in zuppe, anche di pesce, e brodi. I Culurgiones sono una pasta ripiena simile ai ravioli che appare in molti menu. Tipicamente hanno un ripieno di ricotta o pecorino con patate e menta e sono serviti con salsa di pomodoro e formaggio.

Qualcosa a cui prestare attenzione quando si ordina l’aragosta o il pesce in un ristorante: sulla maggior parte dei menu, il prezzo del pesce fresco è dato all’etto, per 100 g, e non per il piatto nel suo insieme. In caso di dubbi, verificare con il cameriere e chiedere di pesare il pesce prima di ordinare. Ciò che nuota nel Mediterraneo al mattino si porta in tavola all’ora di pranzo in così tanti luoghi, dall’Ittiturismo ai ristoranti. A volte umili baracche possono essere sperdute, ma vale la pena fare il possibile per i pesci così freschi. E’ sempre meglio effettuare una prenotazione, soprattutto nelle serate di fine settimana. Lungo la costa troverai antipasti di mare, come bottarga a fettine sottili (di muggine o di tonno), pesce spada  o tonno affumicato, i migliori vengono proprio dalle città lagunari di Sant’Antioco e San Pietro.

Nel cuore profondo della Sardegna la carne fa la parte da padrona. Tre specialità spiccano: il porceddu o porcheddu (maialino da latte), l’agnello e il capretto. Questi piatti sono aromatizzati con erbe mediterranee e arrostiti allo spiedo. Il re dei piatti sardi è il maialino da latte, che viene lentamente arrostito fino a quando la pelle non scoppietta e la carne si scioglie dolcemente, quindi lasciata riposare su un letto di foglie di mirto. I vegetariani vivranno momenti difficili in Sardegna, un’isola che mangia carne in modo robusto. La buona notizia è che le verdure sono di livello universalmente elevato e compaiono in molti antipasti e contorni (e sono presenti nel nostro orto!).

La Sardegna è un’isola di pastori, quindi non sorprende che la produzione di formaggio qui sia un’arte raffinata. I sardi sottolineano che sono per tradizione pastori, non pescatori. C’è comunque una forte tradizione marinara a Cagliari, Alghero, Cabras, Sant’Antioco e Carloforte.

La Sardegna non è ancora focalizzata sulle scuole di cucina come molte regioni italiane, ma ci sono una manciata di posti dove puoi stare dietro i fornelli. Alcune fattorie offriranno anche lezioni di cucina o degustazione di vini se questo è il tuo obiettivo.

Per quanto riguarda la birra, la migliore scelta locale è Ichnusa, prodotta dal 1912 nella città meridionale di Assemini vicino a Cagliari: è una birra bionda frizzante al 4,7% di gradazione alcoolica, meravigliosamente dissetante in una giornata calda. Prende il nome dall’antico nome greco per la Sardegna – Hyknusa. Ma proprio a Sant’Antioco troverai una specialità, il birrificio artigianale Rubiu con pizzeria, una combinazione gustosa perfetta.

Che dire dei vini? Cominciamo dal Cannonau, un vino rosso secco, prodotto in tutta l’isola in grandi quantità, concentrato principalmente nelle aree centrali. Il suo colore rosso rubino varia in intensità a seconda della regione o dell’anno e quando il vino invecchia assume una tonalità leggermente arancione. Un sommelier direbbe che contiene i deboli aromi di ciliegia e menta, ma onestamente non lo sappiamo … Il poeta abruzzese Gabriele D’Annunzio, che all’epoca aveva solo diciannove anni, disse del Cannonau: “A te consacro, vino insulare, il mio corpo e il mio spirito in definitiva. Il Signore Iddio ti dona a me, perché i piaceri del mio spirito e del mio corpo sieno inimitabili. Possa tu senza tregua fluire dal quarteruolo alla coppa e dalla coppa al gorgozzule. Possa io fino all’ultimo respiro rallegrarmi dell’odore tuo, e del tuo colore avere il mio naso per sempre vermiglio “.

La Cantina Santadi è la più grande azienda vinicola del sud-ovest, i suoi rossi includono le apprezzate Roccia Rubia e Grotta Rossa, entrambi Carignano del Sulcis. La prenotazione di una visita può essere effettuata online. La più antica è la Cantina Sociale di Calasetta, mentre nella città di Sant’Antioco la migliore è Sardus Pater Cantina Sociale, con i famosi rossi e rosati di Carignano, in bottiglia e sfusi.

I vigneti che costeggiano le colline alla periferia di Olbia producono alcuni dei migliori vini bianchi del Vermentino, oltre a una manciata di nobili rossi del Cabernet, Cannonau, Merlot e Bovale.

Il Mirto Rosso o Mirto Bianco è il liquore nazionale della Sardegna ed è prodotto macerando in alcool le bacche rosse o bianche fresche dell’albero di mirto. Il mirto è la bevanda nazionale della Sardegna, un liquore morbido e potente distillato dal fragrante frutto nero/violaceo di questa bella pianta mediterranea dai fiori bianchi.

Il filu e ferru (il filo di ferro), sì, si chiama in modo strano, è davvero potente, per i bevitori più allenati. Simile alla grappa, è ricavato da un distillato di uve e brucia in gola – la gradazione alcolica si aggira intorno al 40%, con alcune distillazioni casalinghe che raggiungono un rispettoso 60%-. Per evitare il monopolio di stato e le tasse, i sardi nascondevano la loro acquavite fatta in casa sottoterra, quindi segnavano il nascondiglio con un filo di ferro (il filu e ferru) avvolto intorno al collo della bottiglia, per poterla ritrovare, da qui il nome particolare.

Alcuni posti offrono l’aperitivo: sorseggialo in compagnia di un tramonto, magari in un luogo vivace all’aperto.

In Italy agriturismi (farmhouse) are places to relax and enjoy the surroundings without having to get up at five in the morning to milk cows or collect eggs. Some Agritourism farms are more chic than others. We can offer a particularly good breakfast, if you want to enjoy it. Or the pic nic arrangement, as well. Our combination of sweet and sour is a winner. Uova, prosciutto, formaggio e pane (eggs, ham, cheese and warm bread) for the more savoury palette and biscuits and brioche or a large choice of Sardinian pastries for the sweeter toothed traveller, fruit juices and yougurt, high—fiber cereals, Nutella for kids, coffe, cappuccino, tea, milk, fresh and dried fruit to boost  your energy to get you ready for the best activities here around. 

What’s it to be? A B&B housed in a Mediterranean villa, a fancy geodesic dome, a safari tent to get in touch with nature, or a back-to-nature agriturismo (farm-stay accommodation) snuggled in the hill in front of the sea? With so many atmospheric places to stay, deciding where to base yourself here involves so much more than just choosing a bed for the night. We’re just here to help you!

Think of a small piece of paradise miles away from anywhere, in the most beautiful setting, but at a short distance from the sea: here we are!

We love to hear from travellers – your comments keep us on our toes and help make our accomodation better.

We made shoulder Season (Apr–Jun & mid-Sep–Oct) room rates significantly lower. The weather is more changeable, but usually it doesn’t rain. Excellent time for hiking, cycling and climbing. Sights and beaches are less crowded.

We named our accomodations by the titles of De Andrè songs. Born in 1940 in Genoa, Fabrizio De André rose to fame with his songs/poetry about marginalized and rebellious people, above all prostitutes, who were seen by De André as the answer to bourgeois prissiness. In 1979 he was kidnapped by Sardinian bandits and held prisoner in the Supramonte Mountains in the centre of the island. He was released four months later after the ransom was reportedly paid. When his captors were eventually apprehended by the police, De André was called as witness before the Court. He showed compassion for some of his kidnappers, since he was well treated by what he called “guardians” and declared his own solidarity with them – “They were the real prisoners, not I”. He died of cancer in 1999 and is remembered as a real people’s poet, a champion of the ordinary man and is often compared to Bob Dylan poetry. So here you’ll find “Bocca di Rosa” geodesic dome, a shared space, with kitchen, dining and living room, also a bit of a fitness space. The tents are the unique Shell “Creuza de mà”, two Big Safari (“Via del Campo” e “Canzone per l’estate”), three Safari Lodge(“La collina”, “Dolce Luna”, “Le nuvole”) and the home at Agriturismo (“Verdi pascoli”).

FOOD & DRINK

You can’t beat Sardinia for the climate, good food and wine. Eat at rustic agriturismi, visit local wineries, and loosen a belt notch for a feast of home-grown seasonal fare.

Of course everyone has to eat but there’s eating and there’s eating. In Italy it’s not only a way of surviving – it’s a job, a pastime, a hobby, a sport, an art, a vocation, a craft, a craze, a distraction, a diversion, a fancy, an occupation, a game, an interest, a leisure activity, a leisure pursuit, an obsession, a topic, a quest, a relaxation, a side-line, a specialty, a weakness, a whim and something that cannot be ignored, in any case something to care for.

In an island where even daily staples such as bread and cheese are elevated to a near art form, mangiare bene (eating well) is considered a given. The Sards combine their love of food and socialising at the table, in both humble backstreet trattorias and top-end restaurants. “Organic”’ and “slow food” are modern buzzwords for what Sardinia has been doing for centuries. Dinner tends to be a jolly communal affair, with a feast of farm-fresh vegies, cheese, meat and wine.

For those with a sweet tooth, you can spend an entire afternoon roaming the bakeries filled with freshly baked pastries as well as homemade candies. Sardinia’s sweet trolley has always been constrained by the natural flavours of the island. Take the recipe for amarettes (almond biscuits). Don’t miss torrone (nougat), a dolce that is made in Sicily as well, but is made in Sardinia without the addition of sugar, so with honey, egg whites, almonds and walnuts. Sardinia’s dessert menu is truly rich and varied. Alongside the island staples, there’s a never-ending list of local specialities. Every town has its own recipes;  the island’s most famous dessert, however, is the seadas (or sebadas), a deliciously light pastry (vaguely like a turnover) stuffed with orange peel and ricotta or sour cheese and then drenched in miele amaro (bitter honey), see below for the recipe. At festivities you may well come across sospiri di Ozieri, rich patties of minced almonds, sugar, honey and lemon glazed with icing, and aranzadas, tiny baskets of finely shaved orange peel and almonds drenched in honey, and pabassinas with saba, mixed with almonds, honey, candied fruit and grape must.  You might spot pardulas (also known as casadinas and formagelle) in cake shops at other times of the year, see below for the recipe. These delectable mini cheesecakes are made from ricotta or pecorino, flavoured with saffron and baked in a crisp shell.

Few experiences in Sardinia beat walking into a neighbourhood panetteria in the morning, breathing in the yeasty aromas and feasting your eyes on the loaves of freshly baked bread. The civraxiu is a thick, circular loaf with a crispy crust and a soft white interior. In Sant’Antioco , Calasetta and Carloforte shops you’ll discover fainè (farinata), the chickpea-flour flat bread imported centuries ago by Ligurians.

Music Paper: as crisp as a cracker, as light as a wafer and thin enough for the sun to shine through, pane carasau, also known as carta da musica (music paper), is the star of Sardinia’s bread basket. Brushed with olive oil and sprinkled with salt, pane carasau becomes a moreish snack known as pane guttiau. A fancier version often served as a first course is pane frattau, where pane carasau is topped with tomato sauce, grated pecorino and a soft-boiled egg. Everything comes with Carasau, so thin, circular shaped, crisp, Sardinian bread. It was created in the region of Barbagia by shepherds who needed a bread that would last longer when they were off for days tending their flocks. Carasatura means literally “a double cooking”. Apparently Carasau is a major contributor to the high life expectancy of Sardinians.

Sardinia generally has an individual way of doing things, and the island’s pasta is no different. Malloreddus, dense shell-shaped pasta made of semolina and flavoured with saffron, is usually served with salsa alla campidanese (sausage and tomato sauce) and is sometimes called “gnocchetti sardi”. Another uniquely Sardinian creation is fregola, a granular pasta similar to couscous (also a traditional around Sant’Antioco and San Pietro), and typically consists of semolina dough rolled into balls 2-3 mm in diameter and toasted in an oven, which is often served in fish soups and broths. Culurgiones (spelt in various ways) is a ravioli-like pasta that appears on many menus. Typically it has a ricotta or pecorino with mashed potatoes and mint filling and is coated in a tomato and herb sauce. 

Something to look out for when ordering aragosta (lobster) or fish at a restaurant: on most menus, the price of fresh fish is given as per etto, (per 100 grams), and not for the dish as a whole. If in doubt, check with the waiter and ask to have the fish weighed before ordering. What swims in the Med in the morning lands on plates by lunchtime at so many places, from Ittiturismo to Restaurants. Sometimes humble shacks may be in the back of beyond, but it’s worth going the extra mile for fish this fresh. it’s always best to make a reservation, especially on busy weekend evenings.  Along the coast you’ll find antipasti di mare (of the sea), such as thinly sliced bottarga (mullet or tuna roe), smoked swordfish and tuna, the best of which comes from the lagoon town of Sant’Antioco and Carloforte.

Sardinia’s carnivorous heart beats to its own unique drum. Three specialities stand out: porceddu or porcheddu (suckling pig), agnello (lamb) and capretto (kid). These dishes are flavoured with Mediterranean herbs and spit-roasted. The king of Sardinian dishes is Suckling pig, which is slow roasted until the skin crackles and the meat is meltingly tender, then left to stand on a bed of myrtle leaves. Vegetarians will have a tough time of it in Sardinia, a robustly meat-eating island. The good news is that vegetables are of a universally high standard and appear in many antipasti and contorni (side dishes), and in our veg garden, as well!

Sardinia is an island of shepherds, so it’s hardly surprising that cheesemaking is a fine art here. Sardinians point out that they are by tradition pastori, non pescatori (shepherds, not fishers). Anyway there is a strong tradition of seafood in Cagliari, Alghero, Cabras, Sant’Antioco and Carloforte.

Restaurants will provide acqua di rubinetto (tap water) if you ask for it, but locals tend to order a bottle of acqua frizzante (sparkling mineral water) to drink with their meal.

Sardinia is not as well served with cooking schools as many Italian regions, but there are a handful of places where you can get behind the stove. Some farms will even offer cookery classes or wine tasting if that’s your tipple.

About the beer, the best local choice is Ichnusa, brewed since 1912 in the southern town of Assemini near Cagliari: it is a crisp blond beer 4.7 % ABV and a wonderful thirst quencher on a hot day. It gets its name from the ancient Greek name for Sardinia – Hyknusa. But just in Sant’Antioco you’ll find a special one, Rubiu brewery and pizzeria, a perfect tasty combination.

What to say about the wines? Cannonau is a dry, red wine produced right across the island in large quantities mainly concentrated in the central areas. Its ruby red colour varies in intensity depending on the region or year and as the wine gets older it takes on a slightly orange hue. A Sommelier would say it contains the faint aromas of cherry and mint but we honestly don’t know … Gabriele D’Annunzio, a famous Abruzzese poet, who was only nineteen years old at that time, said of the Cannonau: “A te consacro, vino insulare, il mio corpo e il mio spirito ultimamente. Il Sire Iddio ti dona a me, perché i piaceri del mio spirito e del mio corpo sieno inimitabili. Possa tu senza tregua fluire dal quarteruolo alla coppa e dalla coppa al gorgozzule. Possa io fino all’ultimo respiro rallegrarmi dell’odor tuo, e del tuo colore avere il mio naso per sempre vermiglio”. ””I dedicate my body and my soul to you, island wine may you unceasingly flow to the drinking cup and from the cup to the gullet. May I rejoice at your smell till my last breath. May my nose have always your vermilion colour”.

Cantina Santadi  is the biggest winery in the southwest, its reds include the highly rated Roccia Rubia and Grotta Rossa, both Carignano del Sulcis. Note that booking a visit can be done online. The oldest one is Calasetta Cantina Sociale, while in Sant’Antioco town the best is Sardus Pater Cantina Sociale, with the famous Carignano reds and rosés.

The vineyards that ribbon the hillsides on the outskirts of Olbia produce some of the finest Vermentino white wines, as well as a handful of noble reds from the cabernet, Cannonau, merlot and Bovale grapes.

Mirto Rosso or Mirto Bianco is Sardinia’s national liqueur and is made by emaciating fresh red or white berries from the Myrtle tree in alcohol. Mirto is Sardinia’s national drink, a smooth, powerful liqueur distilled from the fragrant black/purple fruit of the myrtle bush.

The strangely named filu ‘e ferru (the iron wire) provides quite a kick. Similar to grappa, it is made from a distillate of grape skins and positively roars down the throat – the alcohol content hovers around 40%, with some home brews reaching an eye-watering 60%. To avoid taxes and state monopoly Sardinians hid their homemade acquavite underground, so they’d mark the hideout with an iron wire (the filu ‘e ferru) wrapped around the neck of the bottle, to recover it, from which the drink derives its name.

Some places offers aperitivo: sip a sundowner at sunset … in a lively spot for an alfresco aperitif.